Juventus-Genoa, tutti pazzi per Piatek: anche il Real Madrid sul bomber polacco

Juventus-Genoa, tutti pazzi per Piatek: anche il Real Madrid sul bomber polacco

Con nove gol in otto partite, l’attaccante del Genoa, diventato una vera e propria macchina da gol, è finito nel mirino delle big italiane e dei più grandi club europei.

In prima fila per il classe ’95 la Vecchia Signora, che starebbe monitorando con grande attenzione e curiosità il pistolero. Subito dietro il club bianconero, che sabato in occasione di Juventus-Genoa avrà modo di visionare da vicino il bomber polacco, è forte la concorrenza del Napoli e del Barcellona.

Dopo il sondaggio della Roma, che vedrebbe nel giocatore rossoblù un degno erede di EdinDzeko, e del Bayern Monaco, pronto ad insediarsi tra Juventus e Napoli per accaparrarsi il gioiello del club genovese, nelle ultime ore si sarebbe fatto sotto anche il Real Madrid di Florentino Perez. 

L’indiscrezione, arriva direttamente da El Chiringuito de Jugones – la trasmissione di Mega tv che quest’estate aveva sdoganato per prima, in Spagna, la notizia del passaggio di Cristiano Ronaldo a Torino -.

I Blancos, dunque, dopo aver perso una pedina di fondamentale importanza come CR7, avrebbero messo nel mirino il giovane attaccante del club di Enrico Preziosi, che al netto di clamorose sorprese non intende cedere Piatek a gennaio, pertanto è tutto rimandato al prossimo giugno.

Icardi avverte Gattuso: «Ora vinco io»

Domenica sera Inter-Milan, la sfida clou della giornata di campionato. Il derby è attesissimo, vista la voglia di tornare in alto di entrambe le squadre. Dalla parte nerazzurra è capitan Icardi a caricare la squadra:
«Milan? Giocheremo per vincere, lo vogliamo per noi, il nostro lavoro e i tifosi. Chi toglierei al Diavolo? Il Pipita, ciò che mancava ai rossoneri». Mauro Icardi punta sul nuovo che avanza, e su se stesso, contro il Milan, lanciando il guanto della sfida al Pipita.
Il capitano dell’Inter si è confessato a 360 gradi, partendo dalla stracittadina con l’11 di Gattuso, da griffare con un altro gol dopo la tripletta di un anno fa. «È la gara che si aspetta di più in città. Poi sono sempre tre punti se si vince, ma la cosa importante è giocare una grande partita e dare continuità a ciò che abbiamo fatto prima della sosta – ha proseguito il rosarino – Il Milan ha grandi giocatori, con esperienza, che giocano da tanto in serie A. La rivalità con Higuain? Non la sento. Lui ha fatto una grandissima carriera, tanti gol ed è quello che mancava ai rossoneri. Le regole del gioco ci mettono a confronto, ma io sono tranquillo e pronto a dare il meglio di me».
Fronte MIlan, Gattuso non cambia formazione. E non lo farà nemmeno con l’Inter. Dall’esordio stagionale al San Paolo col Napoli fino al pari interno con l’Atalanta arrivato alla quarta giornata Rino ha confermato lo stesso undici con un solo cambio forzato: Borini al posto dello squalificato Calhanoglu. In generale Ringhio ha utilizzato 16 titolari in campionato. In mezzo al campo Bonaventura (563′), Biglia (598′) e Kessie (619′) sono stati fin qui insostituibili per il tecnico rossonero che non ha mai rinunciato a nessuno dei tre in campionato. Così come Donnarumma (630′ complessivi) e la sua difesa: da Calabria (427′) a Musacchio (630′, mai sostituito), da Romagnoli (540′, assente con il Chievo per un affaticamento muscolare) a Ricardo Rodriguez (518′).
Una difesa su cui Ringhio crede nonostante non sia ancora riuscita a terminare una sola gara in serie A con la porta inviolata. Anche in avanti Gattuso ha le idee ben chiare: Suso a destra (630′, mai sostituito), Calhanoglu a sinistra (479′) con Gonzalo Higuain al centro dell’attacco (450′). Tutto deciso, quindi, almeno fino a oggi. (A.gne e L.Ucc.)

SERIE A – Verso il derby: per i bookmaker è sfida di rigore Higuain-Handanovic

ROMA – Centravanti contro portiere, uno contro l’altro, da soli, senza nessun altro a disturbare l’azione. La scena è quella tipico di un calcio di rigore e, in occasione del derby di Milano, viene proiettata sul tabellone scommesse. I protagonisti sono Gonzalo Higuain e Samir Handanovic, che gli analisti Sisal Matchpoint hanno scelto per aprire delle scommesse speciali su una delle partite più attese dell’anno. Da una parte si punta sul Pipita in gol dal dischetto, ma sono aperte anche le quote sulla possibilità che il numero uno nerazzurro blocchi un rigore ai rossoneri. Segnare dagli 11 metri è nettamente più facile che parare: il concetto è chiaro anche solo guardando una partita di calcio, ma le statistiche lo rinforzano. Higuain ha segnato il 73% dei tiri dal dischetto in carriera, Handanovic, pur essendo noto per la sua abilità nel fermare i penalties, si ferma al 37%. Le quote, si adeguano di conseguenza: il Pipita in gol dagli 11 metri, riferisce Agipronews, è un’eventualità a 9,00, Handanovic che la blocca invece sale fino a 12,00. AG/Agipro

Serie A: Former AC Milan owner Li Yonghong blacklisted in China after failing to pay back debts

The former Chinese owner of AC Milan has been added to China’s blacklist of untrustworthy individuals over millions of dollars in unpaid debt, according to a local court, which ordered that his passport be confiscated.

File image of AC Milan owner Li Yonghong. Reuters

File image of former AC Milan owner Li Yonghong. Reuters

Li Yonghong emerged from obscurity to purchase one of Europe’s most high-profile and decorated football clubs from former Italian prime minister Silvio Berlusconi in 2017.

He was one of dozens of wealthy Chinese investing in or simply buying up some of the sport’s biggest clubs after President Xi Jinping declared he wanted to turn China into a football superpower.

But Li’s control of AC Milan was plagued from the start and this summer a creditor took over the club.

The order from the Jingmen City Intermediate People’s Court in central China this autumn, made public in October, is the latest indication of Li’s declining fortunes. Li was on the hook for 60 million yuan ($8.7 million) in unpaid debt to a Hubei province investment company, and a 12 million yuan ($1.7 million) penalty, according to the court.

But the court found no assets to seize and repay the creditor as Li had no bank deposits or cars registered in his name.

Instead, Li’s name was added to China’s national blacklist of untrustworthy individuals, which restricts people from travel by high-speed train and airplane, staying in pricey hotels, or getting a credit card.

As a Hong Kong resident, Li’s passport was ordered confiscated and he was prohibited from entering or exiting China, though his current whereabouts are unknown.

 

Juventus U23 Arezzo/ Streaming video e diretta tv: probabili formazioni, orario, quote e risultato live

Arezzo, trasferta ad Alessandria contro la Juventus U23 (foto LaPresse)

Juventus U23-Arezzo, diretta da Nicoletti, è una partita che è in programma giovedì 18 ottobre 2018 alle ore 15.00 e sarà una delle sfide del calendario della settima giornata d’andata del campionato di Serie C 2018-2019 nel girone A, secondo turno infrasettimanale della stagione per la terza serie. Si tratta di due squadre che hanno ambizioni di alta classifica e dunque di playoff; i bianconeri però si sono allontanati dalle prime posizioni subendo un inatteso stop in Sardegna, e dunque deve ora risalire la china contro una formazione che in questa categoria ha accumulato esperienza e minaccia dunque di essere un osso duro.

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv della partita Juventus U23 Arezzo non sarà trasmessa su nessun canale televisivo in chiaro o a pagamento, ci sarà però la possibilità, avendo effettuato l’iscrizione e una delle formule d’abbonamento al portale, di seguire la diretta streaming video via internet del match collegandosi sul sito elevensports.it.

RISULTATI E PRECEDENTI

La Juventus Under 23 sembrava essere in un buon trend, e invece è stata coetretta ad incassare una sconfitta di misura ad Arzachena, nonostante una partita votata all’attacco in cui i bianconeri sembravano essere almeno meritevoli del pareggio. L’Arezzo invece, battendo 2-0 il Pontedera nel posticipo del lunedì grazie alle reti siglate da Brunori e Buglio nel primo tempo, si è issato in solitudine al secondo posto in classifica nel girone A di Serie C, a 2 sole lunghezze dalla Carrarese prima della classe. Arezzo ancora imbattuto e capace di sfoderare la miglior difesa del raggruppamento con un solo gol subito finora. La Juventus U23 proverà invece a sfruttare il fattore campo che in questo suo primo campionato tra i professionisti è sempre stato un punto di forza, mentre in trasferta oltre che dall’Arzachena i bianconeri erano stati sconfitti anche dalla Carrarese.

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS U23 AREZZO

La Juventus U23 disputa le sue gare casalinghe presso lo stadio Moccagatta di Alessandria: queste le probabili formazioni del match. Padroni di casa bianconeri schierati con Del Favero tra i pali e una difesa a tre con lo svedese Mattias Andersson, Coccolo e Alcibiade schierati dal primo minuto. A centrocampo il cipriota Kastanos e il tedesco Idrissa Touré si muoveranno per vie centrali, mentre sulla destra si muoverà Di Pardo e sulla sinistra Beruatto. In avanti, il brasiliano Matheus Pereira e Zanimacchia giocheranno avanzati come trequartisti alle spalle del centravanti Bunino. Risponderà l’Arezzo con Pelagotti a difesa della porta, Luciani schierato in posizione di terzino destro e Sala schierato in posizione di terzino sinistro, mentre Pelagatti e Pinto giocheranno come centrali della retroguardia. A centrocampo spazio a Foglia, al ghanese Basit e a Buglio, mentre Serrotti sarà il trequartista alle spalle del duo formato da Cutolo e Belloni.

CHIAVE TATTICA E PRECEDENTI

Entrambi gli allenatori schiereranno moduli tattici cercando di sfruttare gli spazi tra le linee: 3-4-2-1 per la Juventus U23 allenata da Mauro Zironelli, 4-3-1-2 per l’Arezzo guidato in panchina da Alessandro Dal Canto. La Juventus U23 affronta per la prima volta i toscani da matricola assoluta della Serie C: vanno ricordati però gli unici precedenti che l’Arezzo ha disputato in campionato contro la Juventus dei ‘grandi’, nel campionato di Serie B 2006/07. Gli amaranto ottennero a Torino un insperato pareggio in rimonta 2-2, ma vennero travolti in casa, 1-5, il 19 maggio del 2007, nel giorno che sancì ufficialmente il ritorno juventino nella massima serie.

QUOTE E PRONOSTICO

Le quote delle principali agenzie di scommesse sulla partita: Juventus U23 lievemente favorita per la conquista dei tre punti contro l’Arezzo, con vittoria interna quotata 2.20 da Eurobet, eventuale pareggio fissato ad una quota di 3.10 da Bet365 e William Hill che propone a 3.00 la quota per l’affermazione esterna. Per tutti coloro che punteranno sul numero di gol complessivamente realizzati nel corso della partita, le quote per over 2.5 e under 2.5 vengono rispettivamente fissate a 2.20 e 1.60 da Sisal Matchpoint.